sabato 25 aprile 2009

Perchè?

Finisci il turno in ospedale, guidi per 20 km su strade di montagna, fermi l'auto sulla rampa di fronte al garage, scendi per aprire. Ti accorgi che l'auto sta scivolando, che la ruota di scorta ti sta guardando ed è sempre più vicina, porti le braccia in avanti per difenderti o per cercare di fermare l'auto.
Morire così a 33 anni è stupido, assurdo, inaccettabile.

Mai come in questo momento mi sto ripetendo che deve esistere una vita oltre questa, non può finire così in un attimo, non è giusto.
Ti ho visto l'ultima volta al funerale dello zio Luigi, mi aveva colpito la compostezza del tuo dolore, sembrava tu riuscissi a domarlo prima di farlo sfogare. Mi avevano colpito i tuoi occhi mentre incrociavano quelli di tua sorella. Cosa farà lei ora? Insieme avete detto addio alla mamma dopo anni di malattia, insieme avete salutato il papà dopo lo stesso calvario. Tu eri la grande, tu la donna. E ora?
Non so se sto piangendo per te o per lei che a 23 anni sta dicendo un'altra volta addio.


9 commenti:

  1. ho letto la notizia stamattina sul corriere e mi ha sconvolta non poco (anche l'età...) poi scopro che era tua cugina vero?
    mamma mia che cose tremende ci accadono
    il mio grande abbraccio

    RispondiElimina
  2. Senza parole, solo un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Mia nonna dice sempre che "siamo in prestito". Morire così però è davvero assurdo. Ti sono vicina.

    RispondiElimina
  4. Tesoro ti abbraccio forte!!mi spiace tanto,tantissimo...
    Rox

    RispondiElimina
  5. che storia terribile. nn ci sono parole x il dolore di chi le ha voluto bene. questa famiglia è stata tanto segnata, nn è possibile sopportare tutto questo dolore

    RispondiElimina
  6. @Nicoletta era una cugina di secondo grado,figlia di un cugino di mio padre. Per quasi vent'anni abbiamo abitato a 500 metri di distanza e frequentato le stesse scuole: elementari e medie. Sua madre era una bravissima sarta, ho ancora una gonna grigia uscita dalle sue mani. Suo padre era a scuola con mio padre e per anni ho sentito raccontare le bravate dei due cigini che si facevano da spalla a vicenda. Ricordo quando è nata Damiana, di dieci anni più piccola. Il mio pensiero continua ad andare a lei, e a lei giro il vostro affetto.

    RispondiElimina
  7. Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  8. mi dispiace tanto tanto....
    mammina74

    RispondiElimina