lunedì 28 settembre 2009

Tempo di castagne

Le domeniche di fine settembre e inizio ottobre sono dedicate alle castagne.
I miei genitori sono dei veri esperti della raccolta, spesso andavano per boschi il mattino presto prima di iniziare la giornata lavorativa perché, a detta loro, era il momento migliore. A volte li accompagnavo anche io, altre volte ci andavo con le amiche.
Sempre sono/siamo tornati a casa con sacchetti colmi. Poi…

Quattro anni fa in questo stesso periodo siamo andati in località Pian Rancio. Nonno Gianfranco, non ancora nonno, guidava il gruppo; nonna Grazia, non ancora nonna, portava i sacchetti; Antonio non aveva di meglio da fare e io, in evidente sovrappeso causa imminente parto, io non potevo mancare.
Ci siamo persi nei boschi, abbiamo gironzolato per sentieri e pendii per quasi due ore e non abbiamo raccolto nulla. Solo per caso il parto è rimasto imminente e non immediato.
Tre anni fa nonno Gianfranco e nonna Grazia sono andati vicino a casa portando con loro Marco che camminava appena. Marco ha perso l’equilibrio ed è caduto faccia a terra schiacciando un riccio. Ovviamente niente castagne e per tre giorni ho estratto spine da un faccino arrossato.
Due anni fa ero di nuovo in sovrappeso, non potevo fare troppi sforzi e così Antonio, Marco ed io abbiamo deciso di abbandonare la raccolta e di accontentarci di una “castagnata” alla Salute. Luca è nato cinque giorni dopo.
Lo scorso anno Antonio, Marco, Luca ed io, in compagnia di alcuni amici siamo andati a Barni decisi a raccogliere quante più castagne avremmo potuto. La giornata si è conclusa con un nulla di fatto e una grande abbuffata in un ristorante della zona.
.
Ieri era una bellissima giornata, potevamo non provare?
Nonno Gianfranco, Nonna Grazia, Antonio, Marco, Luca e ovviamente io siamo andati a Valbrona.
Marco ha imparato a togliere le castagne dai ricci schiacciandoli con le scarpe, Luca ha raccolto entusiasta castagne e marroni facendo a gara con il fratello nel riempire i sacchetti di nonna e mamma; il nonno ha cercato di insegnare ad Antonio a “pertegare” i castani dimenticando di non avere più i vent’anni di un tempo, io e nonna...
Ci siamo divertiti, i bambini erano contentissimi e i nostri due kg. ci aspettano questa sera per cena.
Visto che gli anni di magra sono finiti, domenica si replica.

6 commenti:

  1. Buone le castagne!!!
    E poi lo sai che mi piace leggere dei tuoi luoghi... risento il profumo della mia infanzia.
    Buona scorpacciata :-)

    RispondiElimina
  2. che voglia... mamma mia! grazie di avermi fatto tornare in mente certe scorpacciate! e grazie anche del countdown anno per anno... non so perché ma mi da sollievo vedere le cose "in prospettiva". grazie, silvietta

    RispondiElimina
  3. Tempo di castagne e di castagnate in allegria...
    Qui, o almeno nella famiglia di mio marito, c'è la tradizione di ritrovarci, l'1 novembre, a casa di "mammà", per mangiare le castagne, rigorosamente caldarroste. E' una delle due occasioni (l'altra sono le festività natalizie) in cui ci si ritrova con quei familiari che si vedono davvero due volte in un anno. E sì che abitiamo tutti nella stessa città, che non è neppure una metropoli...
    E a voi, buona scorpacciata!

    RispondiElimina
  4. @Mamma in 3D: dai che non sono lontani, con i bambini potete organizzare uno dei prossimi week end, si divertiranno e tu respirerai dal vivo....
    @Silvietta: Con una bimba piccola molte cose vengono rimandate e a volte sembra che non si avrà più il tempo... ma tutto ritorna e con lei avrai mdo di scoprire sempre cose nuove o riscoprirne altre che pensavi non avresti più fatto...
    @Cautelosa: pochi incontri ma buoni, mi verrebbe da dire. A volte si abita vicino e ci si vede meno di quando si è a km di distanza. Capitava anche a noi quando andavamo in Puglia dai suoceri. Noi venivamo da fuori e dovevamo fare il giro parenti, per piacere ma anche e soprattuto per dovere e poi scoprivamo che chi abitava nello stesso Paese non si incontrata tanto spesso. Comunque, noi ieri abbiamo iniziato con la scorpacciata, non ci siamo fatti mancare nulla: caldarroste e castagne lessate!

    RispondiElimina
  5. Ottimo spunto per sabato prossimo! Perché domenica vorrei andare al Mom Camp di Riva del Garda, tu ci sarai?

    RispondiElimina
  6. @Mamma che fatica!: Non sapevo della iniziativa della prossima domenica. Ma comunque no, non ci sarò, avevo già espresso i miei dubbi dopo il Mam di Milano, bellissima giornata per mamme, papà e bambini ma di uscire dal blog non mi va poi tanto.
    Buona castagnata per sabato... magari ci si incontra nei boschi della Brianza allora!

    RispondiElimina